Una case history speciale

La data degli esami finali per gli allievi de percorso di alta formazione Hotel Manager 2014/2016 si avvicina. Per costruire la prova d’esame conclusiva, che richiederà la realizzazione di compiti di lavoro affrontati con i docenti dei diversi moduli formativi durante il corso, abbiamo voluto ispirarci a una realtà della ricettività che ci ha colpito per una serie di motivi.

Il settore della ricettività si articola in una grande varietà di strutture, caratterizzate da dimensioni, strategie e approcci gestionali diversi, e il sistema di riferimento non si compone solo di strutture per l’ospitalità ma anche di imprese che con i propri servizi danno vita e qualità all’offerta di accoglienza turistica.

Una dimensione di grande valore per lo sviluppo turistico del nostro paese è quella che collega bellezza e risorse del territorio, eccellenza, piccola dimensione d’impresa, capacità di fare rete e orientamento all’innovazione. Per questo la case history aziendale con cui  gli allievi si cimenteranno per l’esame è fortemente ispirata a un’azienda vera del Levante ligure, che nella sua performance d’impresa nel reale è emblematica rispetto a queste dimensioni di valore. Si tratta dell’agriturismo Cà du Ferrà, che ha volentieri acconsentito a diventare, mediante una trasposizione simulata di alcune sue caratteristiche, un modello di studio per i nostri corsisti, futuri Hotel Manager. Questo agriturismo  è stato premiato da parte dell’Assessorato Regionale al Turismo  come l’Agriturismo più apprezzato della Regione Liguria, avendo conquistato il 1° posto nella classifica generale TripAdvisor ed essendosi posizionato tra i dieci migliori Agriturismi d’Italia. Un gioiello di imprenditorialità che ci ha ispirati. Un grande grazie ai titolari per l’entusisamo con cui hanno accolto la nostra idea.

http://www.agriturismo-caduferra.it/

Per il futuro il nostro proposito è di incrementare le occasioni in cui gli allievi si possano confrontare con operatività reali delle imprese, non solo con stage e casi di studio, ma  anche attraverso  un coinvolgimento sempre più forte delle aziende nel percorso di formazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *